Safilo in crisi, trema Longarone

Due anni fa è toccato a Gucci, ora è il turno di Dior. Nel giro di tre anni Safilo perderà quasi il 40% della sua produzione. Un dato che fa capire la pesante portata di questi addii per il fatturato dello storico gruppo produttore di occhiali. E fa capire anche la grande preoccupazione dei sindacati di categoria per le ricadute sul lavoro e sul migliaio di dipendenti dello stabilimento longaronese. Tra il 2021 e il 2024 andranno a scadenza anche altri marchi "pesanti" del portafoglio di Safilo come Givenchy, Mark Jacobs e Fendi. Dall'Anese / A PAG. 14