Federcaccia sipario su Tosi È Possamai il presidente

venezia. La longa manus del Carroccio si estende anche alle doppiette, o almeno, a quelle iscritte a Federcaccia Veneto, forte di 15.148 soci e per dieci anni feudo incontrastato di Flavio Tosi, ex sindaco di Verona e capo del partito veneto fino alla cacciata decretata da Salvini. Tant'è. Il rinnovo del direttivo dell'associazione, svoltosi nei giorni scorsi a Padova, ha sancito l'elezione a presidente regionale del leghista trevigiano Gianpiero Possamai (nella foto) consigliere a Palazzo Ferro-Fini dove guida la quarta commissione, che avrà come vice Emiliano Galvanetto (Vicenza) e Alessandro Salvelli (Verona); segretario è Stefano Favretto (Trviso), i componenti di giunta sono Riccardo Masin (Padova), Carlo Torresan (Treviso), Flavio Bottacin (Venezia), Roberto Rovigatti (Rovigo) e Alberto Colleselli (Belluno). A Possamai, già sindaco di Cappella Maggiore e presidente della Comunità montana delle Prealpi trevigiane, è affidato un mandato quienquennale: Federcaccia (alla quale è iscritto da quarant'anni) è la prima associazione venatoria sia in Veneto che in Italia, contando complessivamente 300 mila associati. --